T.Silk, Seta, Blue Economy un’interessante occasione di approfondimento

…chiacchierando di Seta con Gunter Pauli

 

Torino 03 Aprile 2018

 

Gunter Pauli* economista, imprenditore, saggista, libero pensatore, fondatore della corrente Blue economy e di Zeri (Zero Emission Research Initiative).

 


Il Team di T.Silk lo ha incontrato per approfondire alcuni temi legati alla Seta ed alle Imbottiture in Seta.


 

OGR-Torino

La Location: un’avveniristica e suggestiva riqualificazione di un complesso industriale di fine ottocento, (OGR-Officine Grandi Riparazioni di Torino) divenuta parte integrante del complesso del Politecnico di Torino.

L’occasione: una delle prime celebrazioni dei 50 anni del Club di Roma* con un approfondimento a cura del Prof. Pauli sulla figura di Aurelio Peccei* dal titolo “Aurelio Peccei e il Club di Roma: 50 anni di ricerche e progetti concreti per salvare il nostro pianeta”

 

Gunter Pauli

Ai margini dell’avvenimento, l’importante occasione concessa a T.Silk di discutere, ascoltare e riflettere sull’importanza di creare, nella moderna economia, un nuovo paradigma che possa rideterminare, fra le altre innumerevoli variabili, la posizione, non più residuale ma centrale, delle fibre naturali in generale e della Seta in particolare. Questo permetterebbe di porre finalmente nel giusto risalto le eccezionali caratteristiche della fibra discontinua in seta tra le quali la  termicità, traspirabilità e termoreoglazione.

 

La Sostenibilità ambientale del sistema agricolo/industriale della seta in perfetta armonia con il concetto di Blue economy –  l’economia sostenibile – sviluppata sulle logiche proprie della natura: un sistema perfettamente integrato che non conosce sprechi e dissipazione di risorse, in cui tutti svolgono un ruolo, gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri, la comunità e il territorio locale sono il cuore pulsante di tutto e creatività ed innovazione i principi fondanti dello sviluppo.

 

Entusiasmante poter verificare come l’ecologicità, la biocompatibilità  e l’ecosostenibilità proprie della Seta siano in grado di rispondere in modo “naturale” alle domande che la visone della blue economy porta con se ed è stato altrettanto entusiasmante avere l’occasione di comprendere ed approfondire le sfide, le problematiche e le opportunità nel porre un elemento di certo cambiamento, come le Imbottiture in Seta, all’interno di un sistema consolidato, caratterizzato da piume e prodotti sintetici, certamente non privi di criticità ambientali.

 

Un ringraziamento al prof. Gunter Pauli per questa opportunità che siamo certi sia stata un primo passo per un proficuo scambio di opinioni ed esperienze anche per il futuro.


*Gunter Pauli

“Nato ad Anversa (Belgio) nel 1956 – Laurea in Scienze Economiche alla Loyola University  – MBA all’INSEAD di Fontainebleau – Responsabile nuovo modello di sviluppo economico basato sui valori del concetto di Felicità Interna Lorda (GNH, Gross National Happiness) – Fellow World Academy of Arts and Sciences di San Francisco (USA)  – Membro del Club di Budapest (Ungheria) e del Club di Roma – Special Advisor del Rettorato dell’Università delle Nazioni Unite in Giappone a capo del think tank per la preparazione del Protocollo di Tokyo (1994-1997) – Laurea Magistrale ad Honorem in Ecodesign dal Politecnico di Torino – Honorary Doctorate dalla Università di Pécs (Ungheria).”

*Aurelio Peccei

“Manager FIAT – partecipò alla resistenza – imprenditore in Italia e all’estero – nel 1968 riunì a Roma alcuni studiosi costituendo il Club di Roma – nel 1964 divenne amministratore delegato di Olivetti.”

*Club di Roma

“Fondato nel 1968 da Aurelio Peccei e Alexander King – associazione non governativa no-profit, di scienziati, economisti, uomini d’affari, attivisti dei diritti civili, alti dirigenti pubblici internazionali e capi di Stato di tutti e cinque i continenti – Rilevante il Rapporto sui limiti dello sviluppo (Rapporto Meadows) 1972 con la previsione che la crescita economica non potesse  continuare indefinitamente a causa della limitata disponibilità di risorse naturali.”