Imbottitura naturale ecologica in 100% Seta T.Silk – La sua unicità –

imbottitura naturale ecologica

Perché le differenze ci sono, sono tante e bisogna cercarle

Un’imbottitura naturale in fibra ecologica si può dichiarare in pura Seta quando la presenza in termini percentuali di fibra di seta naturale è pari al 100%.*

Quali sono le differenze fra Imbottiture naturali ecologiche ed imbottiture sintetiche

Ad una generica prima osservazione risulta certamente difficile potere riconoscere cosa sia fibra di seta e cosa sia sintetico o una mista seta sintetico, anche se  esistono delle enormi differenze.

Nelle prime due fotografie:

  • a sinistra L’imbottitura naturale ecologica in pura seta naturale T.Silk (100% di fibra di seta naturale)
  • a destra un’imbottitura dichiarata in seta (52% Seta e 48% Poliestere (od altra fibra sintetica compresi presunti bio-based materiali)

Nelle seconde due fotografie:

  • a sinistra è una fibra di seta naturale
  • a destra è una fibra sintetica bicomponente

Molti produttori cercano, con la definizione di Imbottitura in Seta, imbottitura naturale di Seta, imbottitura ecologica di seta di comprendere prodotti che molte volte hanno all’interno solo una minima percentuale di fibra di seta

  • avvalendosi del brand “SETA”,
  • creando confusione nel consumatore,
  • omettendo l’esatta percentuale di fibra non serica presente all’interno dell’imbottitura,
  • omettendo a volte anche di che tipologia di fibra si tratta!!

Un’imbottitura che contiene al suo interno oltre alla seta anche percentuali rilevanti di fibre, elementi e sostanze sintetiche, (parzialmente o altamente inquinanti), perde in modo assoluto tutte quelle caratteristiche di:

che solo il 100% seta riesce a garantire

 

 

Poliestere e fossil oil fiber

Una fibra composita di polipropilene e/o polyestere con elementi, resine o minerali a punti di fusione differenziati e/o con l’applicazione di resine reticolate, inserita in un’imbottitura viene sottoposta a lavorazioni che tramite il calore fanno sciogliere la componente chimica al fine di legare le varie fibre. Il successivo passaggio a temperature più basse determina la cristallizzazione e la creazione di una struttura coesa abbinata ad un incremento di volume.

  • Monomeri di partenza: acido 1,4-benzendicarbossilico (acido tereftalico) e l’1,2-etandiolo (glicole etilenico);
  • Utilizzo di enormi quantità di acqua e di lubrificanti contaminanti;
  • 2 kg. di petrolio per ottenere 1 kg di Pet;
  • Una felpa di poliestere deposita nell’acqua di lavaggio fino a 1.000.000 di pericolose ed inquinanti microfibre;
  • Biodegradabile in 450/600 anni;
  • Di fronte a variazioni di temperature si deteriora diffondendo una tossina (DEHA) cancerogena;
  • Può rilasciare antimonio, un metalloide tossico;
  • Può rilasciare il PBDE, un potente inquinante ambientale;
  • Contiene ftalati pericolosi per il sistema endocrino.

Fibre plastiche bio-based o biologiche o biodegradabili PLA

Quest fibre che prendono differenti denominazioni, (tra le quali l’Acido Polilattico PLA), indicando nel prefisso bio elementi di completa biologicità e/o biodegradabilità evidenziando mterie orime di partenza naturali, proteici od amidi. Essi però nascondono (volutamente) all’interno una variabilità accentuata  con caratterisitche assolutamente differenti l’una dall’altra:

  • quali sono le reali percentuali di materia prima naturale utilzzata?
  • quali sono le reali percentuali di altre materie prime? Tutte naturali?
  • quali sono i processi per la loro produzione?
  • come sis viluppa la parte chimica di tali processi?
  • quanto della originaria materia prima naturale rimane nella fibra?
  • quali sono le reali modalità di smaltimento?

Peril PLA per esempio materiale indicato bome biodegradabile per eccellenza nessuno puntualizza mai che per essere biodegradato (con tempi comunque lunghi) debba venire trattato in impianti di discarica industriale.

La Seta

proteine fibrose

La fibra di seta e l’imbottitura naturale ecologica in 100% seta è composta “SOLO” da due proteine naturali Sericina e Fibroina, proteine fibrose altamente compatibili e di aiuto alle proteine costituenti il nostro corpo = 100% NATURA. Tralasciando l’aspetto di assoluta mancanza di traspirabilità e termoregolazione del poliestere e delle fibre sintetiche con resine reticolate, è fondamentale conoscere ed informarsi su una serie di dati e degli gli effetti in termini di rilascio di possibili sostanze nocive delle fibre di polyestere e delle resine applicate.


Conoscere per scegliere

Verificare, chiedere notizie, informarsi, pretendere di sapere ciò che realmente stiamo acquistando soprattutto nelle reali composizioni. E’ questa l’unica arma a disposizione per:

  1. scegliere in vera libertà
  2. scegliere reali prodotti ecologici e sostenibili,
  3. ottenere una reale qualità a beneficio della salute,
  4. per acquistare prodotti che contengano reali elementi naturali senza altre aggiunte non dichiarate.

L’imbottitura naturale ecologica in pura seta naturale 100% Seta T.Silk ed un’imbottiture (dichiarata) in seta (51% Seta e 49% Poliestere o altra fibra sintetica).

Non sono assolutamente la stessa cosa!!

  • Un prodotto può essere qualificato come “100%” o “puro” (esempio: 100% Seta o Pura Seta) se è composto interamente da una stessa fibra (esiste una tolleranza del 2% / 5% se giustificata)
  • Se un prodotto è composto da 2 o + fibre di cui una rappresenti almeno l’85% del peso totale, (esempio: 85% seta 15% poliestere), può essere indicata solo la fibra principale ma con la corretta percentuale (es. 85% Seta)
  • Se un prodotto è composto da 2 o + fibre di cui nessuna raggiunge l’85% del peso totale (esempio: 55% seta 45% poliestere) deve essere indicata fibra e percentuale di almeno 2 delle fibre presenti in maggiore percentuale

Articoli correlati

© Copyright 2023 - Cosetex S.r.l. - CF e PI 00725440168 - Via Roma, 69 Medolago 24030 BG
R·innovazione by Opiquad.it