PLASTICUS – La balena che ci interroga sul problema dell’inquinamento da microfibre plastiche

…per un mare ed un mondo da salvare.

 

Poche settimane fa avevamo proposto un approfondimento dal titolo: “Le microplastiche da fibre tessili sintetiche, tra i primi responsabile dell’inquinamento dei nostri mari”.

Il fine era quello di condividere l’enorme problematica relativa alle microfibre in plastica generate da tessuti, imbottiture e prodotti tessili in fibre sintetiche.

Avevano utilizzato un immagine evocativa: una grossa balena ricoperta da minuscoli frammenti di plastica.inquinamento da microplastiche nelle fibre tessili sintetiche dell'abbigliamento


Da oggi fino al 22 Aprile 2018 a Roma, presso l’Auditorium parco della Musica, si terrà la rassegna promossa dal National Geographic con il titolo “La causa delle cose“.

Una delle protagoniste assolute sarà Plasticus, (Plastc-whale), la balena di 10 metri di “Sky Ocean Rescue-Un mare da salvare” creata con 250 Kg. di rifiuti di plastica.

250 Kg. rappresentano il quantitativo di plastica che viene gettato e/o scaricato in mare OGNI Secondo!!. Recenti ricerche, studi e campionamenti hanno determinato che:

  • tra il 15 ed il 35 % delle plastiche sversate in acqua è rappresentato da microplastiche primarie (inferiori ai 5 mm. di dimensione);
  • il 35/40% delle microplastiche primarie derivano direttamente dall’uso e dal lavaggio di tessuti, imbottiture, capi di abbigliamento in fibre sintetiche.

plasticus_microfibre_sinteticheOltre mezzo milione di persone hanno potuto “incontrare” Plasticus nel corso del tour che da Londra l’ha portata in una serie di tappe in Inghilterra, Galles e Scozia. Milioni di persone, attraverso i media ed i social, hanno avuto la possibilità di “conoscerla” e grazie alla campagna “Name the Whale”, di suggerirne il nome.

 

 

 

plasticus_roma_plastica_marePlasticus arriva a Roma ed in Italia per lanciare un messaggio: con il contributo di ciascuno è possibile lasciare un mare più pulito alle nuove generazioni, prendendo coscienza dell’immenso patrimonio naturale già andato perduto. Attraverso piccole azioni quotidiane ed un cambiamento delle nostre decisioni, anche di spesa, sarà possibile assicurare un futuro migliore ai nostri mari.

 

 


2050 – Senza un deciso intervento nei nostri mari ci potrà essere più plastica che pesci –